Storia 2018-02-26T14:04:06+00:00

Storia

Nel 1947 si prospetta la possibilità per la Sezione del Cai di Gallarate di avere un altro rifugio, all’Alpe Solcio sopra Varzo dove esisteva il Rifugio Domus Nostra di proprietà di alcuni ex-allievi del Collegio Rosmini di Stresa. La proposta di acquisto venne formulata da Pietro Crosta, primo presidente della Sezione e allo stesso tempo ex-allievo rosminiano promotore della casa “Domus Nostra”. La sezione decise l’acquisto attraverso la fondazione di una cooperativa per azioni tra i soci: malgrado un costo per azione di £ 5.000, la quota raggiunta non fu sufficiente a raggiungere le richieste e le spese necessarie per l’arredamento del rifugio. Il debito venne comunque coperto nel giro di pochi anni. Nell’agosto del 1948 venne effettuata l’inaugurazione del nuovo rifugio che mantenne la denominazione “Domus Nostra” sino al 1957 quando venne intitolato a Pietro Crosta.

Il rifugio venne per molti anni custodito saltuariamente da soci volenterosi che ne curarono anche la manutenzione. Nel 1970 venne affidato al Sig. Gilberto Fox, di Varzo, che lo tenne senza interruzione sino al 1992. Nel corso degli anni la costruzione venne notevolmente migliorata: in particolare sono stati ricostruiti in ampliamento i nuovi servizi igienici, è stata interamente rifatta l’adiacente legnaia – lesa da un enorme valanga caduta nel vallone di Solcio nell’inverno 1974 – e provvista recentemente di un nuovo impianto di fognatura esterno, oltre ad importanti sistemazioni interne (cucina, vano bar, camere).